Gestione TARI - moduli e tariffe

I Gestori delle attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti sono:

  • il Comune di Osimo, in qualità di soggetto attivo del tributo Tari che definisce le tariffe, emette gli atti (documenti di riscossione, avvisi di accertamento per omessa o infedele dichiarazione…), riscuote il tributo anche coattivamente e risolve il contenzioso tributario
  • Astea spa, nella gestione del rapporto con gli utenti e nel supporto tecnico al Comune di Osimo alle attività inerenti la TARI (supporto all’emissione, stampa, imbustamento e spedizione degli atti)

Il Contribuente può contattare Astea spa, Gestore delle attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti tramite uno dei seguenti canali:

  • sportello fisico in via Guazzatore 163 Osimo (vedi orari)
  • Call Center numero verde 800 07 07 15
  • all’indirizzo di posta elettronica tributo.tari@gruppoastea.it
Il Consiglio Comunale, con atto n. 19 del 29/04/2022 (scarica la delibera), ha deliberato:
  1. l'emissione di un avviso TARI in acconto calcolato applicando il 75% delle tariffe in vigore nell'anno 2021, che potrà essere pagato in un'unica soluzione entro il 16/06/2022 o a rate (vedi sezione dedicata)
  2. l'emissione di un avviso TARI a saldo calcolato applicando le tariffe approvate per l'anno 2022 con scadenza entro il 16/12/2022
  UTENZE DOMESTICHE Avviso in acconto (75% delle tariffe dell'anno 2021)
Numero dei componenti Parte fissa (euro/mq) Parte variabile (euro)
1 componente 0,572910 51,9525
2 componenti 0,626204 90,4050
3 componenti 0,679498 115,8600
4 componenti 0,732791 135,0825
5 componenti 0,779423 150,6675
6 componenti e più 0,819394 176,6475
Avviso a saldo (tariffe anno 2022)
Numero dei componenti Parte fissa (euro/mq) Parte variabile (euro/anno)
1 componente 0,816700 73,71
2 componenti 0,892672 128,26
3 componenti 0,968644 164,37
4 componenti 1,044616 191,65
5 componenti 1,111092 213,76
6 componenti e più 1,168071 250,61
  UTENZE NON DOMESTICHE Avviso in acconto (75% delle tariffe dell'anno 2021)
Categorie Parte fissa (euro/mq) Parte variabile (euro/mq)
01. Associazioni, biblioteche, musei, scuole (ballo, guida ecc.) 0,391119 1,146413
02. Cinematografi, teatri 0,301558 0,881651
03. Autorimesse, magazzini senza vendita diretta 0,339797 0,993650
04. Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi 0,536363 1,560433
05. Stabilimenti balneari - -
06. Autosaloni, esposizioni 0,352544 1,020189
07. Alberghi con ristorante 1,015367 2,964388
08. Alberghi senza ristorante 0,764125 2,229979
09. Carceri, case di cura e di riposo, caserme 0,927818 2,706845
10. Ospedali 1,051930 3,068423
11. Agenzie e uffici 0,935869 2,728820
12. Banche, istituti di credito e studi professionali 0,543407 1,573278
13. Cartolerie, librerie, negozi di beni durevoli, calzature, ferramenta 0,788276 2,301212
14. Edicole, farmacie, plurilicenza, tabaccai 0,917755 2,665868
15. Negozi di Antiquariato, cappelli, filatelia, ombrelli, tappeti, tende e tessuti 0,562863 1,637823
16. Banchi di mercato beni durevoli 1,015367 2,955576
17. Barbiere, estetista, parrucchiere 0,737290 2,149085
18. Attività artigianali tipo botteghe (elettricista, fabbro, falegname, idraulico) 0,639007 1,858847
19. Autofficina, carrozzeria, elettrauto 0,806054 2,345267
20. Attività industriali con capannoni di produzione 0,539718 1,573172
21. Attività artigianali di produzione beni specifici 0,545085 1,589202
22. Osterie, pizzerie, pub, ristoranti, trattorie 3,506656 10,215905
23. Birrerie, hamburgerie, mense 2,125328 6,191201
24. Bar, caffè, pasticceria 2,567433 7,477000
25. Generi alimentari (macellerie, pane e pasta, salumi e formaggi, supermercati) 1,482631 4,327046
26. Plurilicenze alimentari e miste 1,484308 4,327046
27. Fiori e piante, ortofrutta, pescherie, pizza al taglio 3,275876 9,534363
28. Ipermercati di generi misti 1,277008 3,714827
29. Banchi di mercato generi alimentari 2,542610 7,399291
30. Discoteche, night club 1,118011 3,253883
  Avviso a saldo (tariffe dell'anno 2022)
Categorie Parte fissa (euro/mq) Parte variabile (euro/mq)
01. Associazioni, biblioteche, musei, scuole (ballo, guida ecc.) 0,555743 1,594948
02. Cinematografi, teatri 0,428485 1,226599
03. Autorimesse, magazzini senza vendita diretta 0,482820 1,382416
04. Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi 0,762121 2,170954
05. Stabilimenti balneari 0,537775 1,419339
06. Autosaloni, esposizioni 0,500931 1,360252
07. Alberghi con ristorante 1,442739 4,124207
08. Alberghi senza ristorante 1,085748 3,102460
09. Carceri, case di cura e di riposo, caserme 1,318341 3,765902
10. Ospedali 1,494691 4,268947
11. Agenzie e uffici 1,329780 3,796474
12. Banche, istituti di credito e studi professionali 0,772130 2,188825
13. Cartolerie, librerie, negozi di beni durevoli, calzature, ferramenta 1,120065 3,201563
14. Edicole, farmacie, plurilicenza, tabaccai 1,304042 3,708892
15. Negozi di Antiquariato, cappelli, filatelia, ombrelli, tappeti, tende e tessuti 0,799774 2,278623
16. Banchi di mercato beni durevoli 1,442739 4,111949
17. Barbiere, estetista, parrucchiere 1,047618 2,989917
18. Attività artigianali tipo botteghe (elettricista, fabbro, falegname, idraulico) 0,907968 2,586122
19. Autofficina, carrozzeria, elettrauto 1,145326 3,262856
20. Attività industriali con capannoni di produzione 0,766887 2,188677
21. Attività artigianali di produzione beni specifici 0,774513 2,210979
22. Osterie, pizzerie, pub, ristoranti, trattorie 4,982622 14,212889
23. Birrerie, hamburgerie, mense 3,019886 8,613514
24. Bar, caffè, pasticceria 3,648076 10,402384
25. Generi alimentari (macellerie, pane e pasta, salumi e formaggi, supermercati) 2,106676 6,020007
26. Plurilicenze alimentari e miste 2,109059 6,005238
27. Fiori e piante, ortofrutta, pescherie, pizza al taglio 4,654705 13,264694
28. Ipermercati di generi misti 1,814506 5,168256
29. Banchi di mercato generi alimentari 3,612806 10,294272
30. Discoteche, night club 1,588586 4,526969
 
[/vc_column_text id="accordion_1153361438"]

UTENZE DOMESTICHE
La tariffa delle utenze domestiche è pari alla somma di:

  • quota fissa calcolata applicando alla superficie soggetta al tributo la tariffa per unità di superficie (euro/mq); la tariffa varia in base al numero dei componenti
  • quota variabile in base al numero dei componenti

Esempio:
Superficie soggetta: 125 mq (superficie calpestabile dell’abitazione e del garage)
Numero dei componenti 4
Tariffa unitaria quota fissa per 4 componenti: 0,941974 euro/mq/anno
Tariffa quota variabile per 4 componenti:162,25 euro/anno
Quota fissa=0,941974 x 125 = 117,75 euro
Quota variabile=162,25 euro
Tributo dovuto=117,75+162,25=280,00 euro
Addizionale provinciale = 280 x 5% =14,00 euro
Totale avviso di pagamento = 280 + 14 = 294 euro

UTENZE NON DOMESTICHE
La tariffa delle utenze non domestiche è pari alla somma di:

  • quota fissa calcolata applicando alla superficie soggetta al tributo la tariffa per unità di superficie (euro/mq); la tariffa dipendente dalla categoria tariffaria associata
  • quota variabile calcolata applicando alla superficie soggetta al tributo la tariffa per unità di superficie (euro/mq); la tariffa dipendente dalla categoria tariffaria associata

Esempio:
Superficie soggetta: 350 mq (superficie calpestabile dell’abitazione)
Categoria: 14 Edicola, farmacia, tabaccai, plurilicenze
Tariffa unitaria quota fissa per categoria 14:  1,154907 euro/mq/anno
Tariffa unitaria quota variabile per categoria: 3,199080 euro/mq/anno
Quota fissa=1,154907 x 350 = 404,22 euro
Quota variabile=3,199080 x 350 = 1.119,68 euro
Tributo dovuto=404,22 +1.119,68 = 1.523,90 euro
Addizionale provinciale = 1.523,90 x 5% =76,20 euro
Totale avviso di pagamento = 1.523,90 + 76,20 = 1600,10 euro

RIDUZIONI PER UTENZE ECONOMICAMENTE DISAGIATE

Con atto del Consiglio Comunale n. 19 del 29/04/2022 (scarica la delibera), sono state definite per l’anno 2022 le seguenti riduzioni per le utenze economicamente disagiate:

  1. riduzione del 40% della parte variabile della tariffa, per i nuclei con ISEE fino a 15.000,00;
  2. riduzione del 30% della parte variabile della tariffa per i nuclei familiari con ISEE da € 15.000,01 fino a 25.000,00

 

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Entro e non oltre il 31 ottobre 2022, i soggetti potranno presentare domanda allo Sportello TARI del Gestore ASTEA Spa, redatta su apposito modulo, trasmettendola per via telematica (all’indirizzo: tributo.tari@gruppoastea.it) oppure consegnandola di persona allo Sportello, in cui il richiedente dovrà dichiarare:
-di essere residente nel Comune di Osimo;
-di essere intestatario di un’utenza domestica TARI nel territorio del Comune di Osimo;
-di non avere situazioni di morosità sui pagamenti TARI degli anni precedenti, fatte salve eventuali rateizzazioni in corso;
-di avere un indicatore ISEE, ordinario o corrente, in corso di validità:

Scarica il modulo di adesione

 

Ammontare delle riduzioni

Numero dei componenti Riduzione 40%
(euro/anno)
Riduzione 30%
(euro/anno)
1 componente 29,48 22,11
2 componenti 51,30 38,48
3 componenti 65,75 49,31
4 componenti 76,66 57,50
5 componenti 85,50 64,13
6 componenti e più 100,24 75,18

1. Riduzione per avvio al recupero per le utenze non domestiche (art.25 Regolamento TARI)

Nel caso in cui il produttore avviasse a recupero i rifiuti urbani prodotti ha diritto a richiedere la riduzione della quota variabile della tariffa.

Per l’anno 2021, il produttore dovrà presentare:

  • istanza di riduzione in acconto (scarica modulo) sulla base dei quantitativi prodotti nell’anno 2020 da presentare entro l’emissione dell’avviso a saldo per l’anno 2021
  • istanza di riduzione a conguaglio (scarica modulo) sulla base dei quantitativi prodotti nell’anno 2021 da presentare entro il 28 febbraio 2022.

I moduli potranno essere inoltrati tramite posta elettronica semplice all’indirizzo tributo.tari@gruppoastea.it o posta certificata all’indirizzo astea@legalmail.it

 

2. Riduzione per le utenze non domestiche per emergenza sanitaria COVID-19 per l’anno 2021

Per l’anno 2021, sarà applicata automaticamente, senza presentazione di alcuna richiesta, la riduzione del 29% della parte variabile della tariffa TARI come previsto dalla delibera comunale n. 36 del 30/06/2021 alle seguenti categorie tariffarie:

Categorie
01. Associazioni, biblioteche, musei, scuole (ballo, guida ecc.)
02. Cinematografi, teatri
03. Autorimesse, magazzini senza vendita diretta
04. Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi
06. Autosaloni, esposizioni
07. Alberghi con ristorante
08. Alberghi senza ristorante
11. Agenzie e uffici
13. Cartolerie, librerie, negozi di beni durevoli, calzature, ferramenta
15. Negozi di Antiquariato, cappelli, filatelia, ombrelli, tappeti, tende e tessuti
16. Banchi di mercato beni durevoli
17. Barbiere, estetista, parrucchiere
18. Attività artigianali tipo botteghe (falegname, idraulico, fabbro, elettricista)
20. Attività industriali con capannoni di produzione
21. Attività artigianali di produzione beni specifici
22. Osterie, pizzerie, pub, ristoranti, trattorie
23. Birrerie, hamburgerie, mense
24. Bar, caffè, pasticceria
27. Fiori e piante, ortofrutta, pescherie, pizza al taglio
29. Banchi di mercato generi alimentari 29,0% -2,861059
30. Discoteche, night club 29,0% -1,258168

Il tributo TARI è disciplinato dal Regolamento TARI in vigore dal 01/01/2021 che contiene i presupposti del tributo, i criteri di applicazione delle tariffe, le riduzione tariffarie e le esclusioni.

Le tariffe per l’anno 2022 sono state approvate con atto del Consiglio Comunale n. 19 del 29/04/2022 (scarica la delibera).
Il Regolamento TARI in vigore dal 01/01/2021 è stato approvato con atto del Consiglio Comunale n. 37 del 30/06/2021 (scarica la delibera).

Il pagamento degli avvisi di pagamento deve avvenire solo ed esclusivamente tramite modello F24 precompilato allegato all’avviso.

Per l’anno 2022 è prevista l’emissione di due avvisi di pagamento:

  • un avviso in acconto pari al 75% del tributo annuo dovuto con le tariffe relative all’anno 2020
  • un avviso a saldo che verrà emesso nel mese di novembre 2022, il cui pagamento è previsto non oltre il 16/12/2022

Il Contribuente potrà effettuare il pagamento dell’importo previsto nell’avviso in acconto secondo una delle seguenti modalità:

  • in un’unica soluzione entro il 16/06/2022
  • in DUE rate alle scadenze sotto riportate:
  1.  RATA SCADENZA IL 16/06/2022 pari ai 2/3 dell’acconto
  2.  RATA SCADENZA IL 31/10/2022 pari ai 1/3 dell’acconto

Come previsto dal Regolamento TARI vigente, in caso di omesso o parziale pagamento, il Contribuente riceverà, a mezzo raccomandata AR o atti giudiziari AG, avviso di accertamento con l’invito al pagamento entro sessanta giorni dalla notifica dell’atto e con l’avvertenza che, decorso detto termine, si procederà alla riscossione coatta con l’applicazione di sanzioni (30% dell’importo non pagato) e di interessi nella misura del tasso legale aumentato di 2,5 punti percentuali.

Qualora il Contribuente riscontrasse differenze dei dati risultanti nell’avviso di pagamento (superficie, numero di occupanti, categorie di attività, eventuali riduzioni o esclusioni spettanti) da cui consegua un diverso ammontare del tributo, ha il diritto e l’obbligo di comunicarli entro il 30 giugno 2021 presentandosi agli sportelli dedicati di Astea spa (Gestore dell’attività di gestione delle tariffe e rapporto con gli utenti) in via Guazzatore 163 Osimo dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 o trasmettendo richiesta scritta a tributo.tari@gruppoastea.it.

Il Contribuente può utilizzare uno dei moduli allegati, in base alla tipologia di utenza, per:

  • dichiarazione di inizio occupazione dell’immobile
  • dichiarazione di fine occupazione dell’immobile
  • dichiarazione di variazione

Il modulo compilato e sottoscritto, unitamente a copia del documento di identità del firmatario, può essere trasmesso tramite PEC all’indirizzo astea@legalmail.it o tramite posta elettronica semplice all’indirizzo tributo.tari@gruppoastea.it.

Dichiarazione TARI utenze domestiche
Dichiarazione TARI utenze non domestiche

Non ci sono comunicazioni da parte dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

Nel caso in cui il Contribuente desideri trasmettere un reclamo inerente ad un disservizio relativo alla gestione delle tariffe TARI o al rapporto con gli utenti può inoltrare un reclamo ad Astea all’indirizzo di posta elettronica tributo.tari@gruppoastea.it.

Il Contribuente dovrà indicare almeno i seguenti dati identificativi:

  • cognome e nome (o ragione sociale nel caso di persona giuridica)
  • codice contribuente (riportato nell’avviso di pagamento)
  • ubicazione dell’utenza

Ai sensi del Regolamento TARI, le utenze non domestiche possono esercitare il diritto di non avvalersi del servizio pubblico per la raccolta dei rifiuti urbani prodotti nei locali e nelle aree esterne.

L’uscita dal servizio pubblico è possibile purché il Contribuente:

  1. conferisca la totalità dei rifiuti urbani prodotti (differenziati e indifferenziati) ai soggetti che nel mercato effettuano l’attività di recupero e che certificheranno l’avvenuto avvio al recupero dei rifiuti urbani dagli stessi raccolti;
  2. dimostri di aver stipulato uno o più contratti o convenzioni (di durata anche inferiore ai 5 anni) con i soggetti di cui al precedente punto 1) che garantiranno la raccolta e l’avvio al recupero dei rifiuti urbani prodotti (differenziati e indifferenziati).

I Contribuenti che hanno esercitato il diritto di uscita entro il 31 maggio 2021, dovranno integrare entro il 30 settembre 2021 la comunicazione compilando e sottoscrivendo il modulo integrativo (scarica) e allegando la documentazione richiesta.

Per i Contribuenti che esercitano dopo il 31 maggio 2021 il diritto di uscita, potranno comunicare la volontà di non avvalersi del servizio pubblico comunicandolo entro il 30 giugno dell’anno precedente l’uscita (scarica il modulo).